Torta mimosa

torta-mimosa.JPG
La torta mimosa, presente quasi in ogni tavola l’8 marzo, è un dolce “giovane”, che ha pressappoco la mia età, con la differenza che io non sono più giovane! Ma si sa, il tempo della storia è più lungo di quello delle persone…
Sembra sia nata a Roma negli anni ‘50 per celebrare la festa della donna  ; il colore giallo della torta e le briciole che la ricoprono creano infatti l’effetto mimosa.
L’ ho preparata per la prima volta negli anni ‘80 seguendo scrupolosamente i miei libri di allora e mai l’ho vista cucinare alla mamma anche in campagna all’epoca non si sapeva nemmeno che esistesse una festa della donna!
La ricetta classica prevede l’uso del Pan di Spagna, dolce non certo facile da preparare, così dopo numerosi tentativi più o meno falliti, ho ripiegato prima sulla pasta del gattó e poi su una soffice torta allo yogurt e il risultato è sempre stato ottimo

Ingredienti

Per la base

  • un vasetto di yogurt bianco
  • 2 uova
  • la scorza grattugiata di un limone
  • un pizzico di sale
  • un vasetto di zucchero
  • mezzo vasetto di olio
  • 3 vasetti di farina
  • mezzo vasetto di latte
  • una bustina di lievito


Per la farcia

  • 4 tuorli d’uovo
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di farina
  • 1/2 l di latte
  • la buccia grattugiata di 2 limoni non trattati
  • 1/2 l di panna
  • 2 cucchiai di zucchero a velo per dolcificare un po’ la panna


Per la bagna

  • 100 g di zucchero
  • mezzo limone non trattato
  • liquore all’arancia( Cointreau o Grand Marnier)


Procedimento

Per la base da preparare in anticipo per farla raffreddare
Usando lo sbattitore elettrico, mescolare lo yogurt, le uova intere, la scorza di limone, il pizico di sale, il vasetto di zucchero, il mezzo vasetto di olio e quelo di latte. Aggiungere i tre vasetti di farina e la bustina di lievito.Versare l’impasto nella tortiera , rivestita con carta da forno. Infornare a 200° per circa 30 minuti. Sfornare, sformare e far freddare.


Per la farcia

Preparare la crema: in una casseruola sbattere con una frusta i tuorli d’uovo e lo zucchero senza però montarli; amalgamarvi, sempre mescolando, un cucchiaio di farina alla volta. Stemperare il composto versando il latte freddo poco per volta e unire la buccia grattugiata dei limoni. Porre la casseruola su fuoco moderato e girare, con un mestolo di legno, continuamente e sempre nello stesso verso fino a quando la crema si addenserà e velerà il cucchiaio. Toglierla dal fornello e travasarla in una terrina, coprirla con della pellicola per alimenti ( la pellicola dovrà essere a contatto con la crema, che in questo modo non si indurirà in superficie) e farla raffreddare. Montare la panna con lo zucchero a velo e incorporarla poco a poco e con delicatezza alla crema.

Per la bagna
Far bollire per due - tre minuti 150 ml  d’acqua con la scorza di limone privata della parte bianca, un cucchiaio di succo di limone e lo zucchero. Far raffreddare e unire 4-5 cucciai di liquore.

Per montare la torta

Mettere su un vassoio  la torta e con un coltello lungo e ben affilato tagliarne la parte superiore  ad uno spessore di due cm. Mettere da parte il disco ottenuto. Con un coltello appuntito incidere tutto intorno la torta, senza intaccare il fondo, lasciando un bordo di due cm. Scavare delicatamente la mollica della torta partendo dal centro per ricavarne una specie di scatola vuota. Tenere da parte tutte le briciole ottenute.

Con un pennello bagnare il fondo e le pareti della torta scavata con parte del liquido preparato, imbevendoli bene. Versare più di metà dose di crema e panna  nell’interno della torta e livellarla con una spatola.

Chiudere la torta con il disco tenuto da parte, badando che la crosticina dorata di quest’ultimo sia rivolta verso il basso.

Spennellare  uniformemente la parte superiore del disco e il bordo esterno con la bagna rimasta e ricoprire con il rimanente composto di crema e panna facendolo aderire in modo uniforme. Ricoprire il tutto  con le briciole tenute da parte.

Tenere in frigo per almeno 4 ore prima di servire

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio