Cantuccini

 cantuccini.JPG

Nel lessico della mia infanzia c’erano differenti tipi di cantuccino.

C’era il cantuccino punitivo, ovvero l’angolo più buio della cucina in cui dovevo restare, zitta e immobile, fino a quando non venivo richiamata…

C’era il cantuccino  di pane, ovvero l’essenza della fragranza, quell’angolino croccante che la mamma mi offriva appena lo toglieva dal forno…

C’era il cantuccino spacca denti, ovvero il gusto di sgranocchiare lentamente quel biscotto a fette pieno di mandorle…

Dei tre ‘cantuccini’ della mia infanzia è rimasto solo il biscotto, anche se preparato in maniera diversa da come lo preparava la mia mamma

 

Ingredienti

  • 300 gr farina
  • 250 gr zucchero canna
  • 250 gr mandorle con pelle
  • 3 uova
  • pizzico sale
  • 1 cucchiaino lievito x dolci
  • aroma (fiori d’arancio/mandorla/arancio)
  • buccia di un’arancia grattata
  • latte per spennellare

 

Procedimento

Versare in una terrina la farina, lo zucchero di canna, le mandorle, il pizzico di sale, la buccia grattugiata dell’arancia e il lievito in polvere. Mescolare tutti gli ingredienti, poi aggiungere l’ essenza e per ultime le uova.  Lavorare poco l’impasto. Fare due panetti e spennellare con latte.

Infornare nel forno ventilato già caldo a 180° per 20 minuti.

Tagliare i panetti a losanghe e rimettere in forno per qualche minuto.

 Far freddare e conservare in una scatola di latta (fino a 20 gg).

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio