Coniglio ripieno con asparagi e prosciutto

coniglio-rip-asparagi-9.JPG

Il coniglio, come molti dei piatti che cucinoè legato ai miei ricordi d’infanzia. La domenica, di solito, la mia mamma preparava il sugo di coniglio e lo lasciava bollire lentamente sulla vecchia cucina economica, così si chiamava la stufa a legna.  Al ritorno dalla messa, uno strato leggero d’olio galleggiava sul pomodoro e sulla carne ed era una vera delizia tuffarci pezzetti di pane e mangiarli di nascosto, se non volevo sentire le brontolate della mamma. Per i pranzi più importanti cucinava anche il coniglio ripieno: lo disossava in un attimo, con grande maestria, e lo farciva con un composto a base di carne macinata, simile a quello che usava per la galantina. Era buonissimo e  l’ho cucinato più volte; ora preferisco provare farce diverse e questa con gli asparagi è veramente speciale, adatta anche a un pranzo raffinato…

La ricetta del coniglio ripieno è di per sé facile da realizzare; la fase  più complicata è disossare il coniglio, ma, se non abbiamo tempo pazienza e manualità in grande quantità, possiamo acquistare il coniglio già disossato.

È un secondo piatto a base di carne bianca, quindi più leggero di tanti altri; ed anche il ripieno di prosciutto e asparagi è più leggero del ripieno che uso di solito ( per la ricetta cliccare qui)

Ingredienti per 4 – 6 persone

  • un coniglio disossato
  • 200 g. di prosciutto toscano
  • 10 asparagi lessati
  • sale
  • pepe
  • olio evo
  • trito di erbe aromatiche ( timo, finocchietto selvatico, erba pepe…o quello che avete a disposizione)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • brodo caldo, anche di dado

 

Procedimento

Mettere la carne del coniglio disossato tra due fogli di pellicola e batterla per appiattire le parti pi spesse.

Salarla, peparla e coprirla con le fette di prosciutto e con gli asparagi.

 Arrotolare il coniglio, legarlo con lo spago da cucina e farlo rosolare sul fornello in una casseruola ( che possa andare anche in forno) in cui avremo scaldato l’olio e il trito di erbe.

Quando il coniglio si sarà colorato uniformemente, sfumarlo con mezzo bicchiere di vino bianco e mettere la casseruola nel forno già caldo a 200°. Cuocere per circa un’ora, girando più volte la carne e irrorandola con il sugo di cottura e del brodo caldo. Il tempo di cottura varia in base alle dimensioni dell’animale e alle caratteristiche del proprio forno.

A cottura avvenuta, togliere la teglia dal forno e avvolgere la carne nella stagnola.

Lasciar raffreddare, o almeno intiepidire la carne; togliere lo spago e tagliarla a fette, cercando di ottenere delle girelle compatte. Non tagliare assolutamente la carne quando è ancora calda, altrimenti si rovina!

 Adagiare le fette su un vassoio e irrorarle con il fondo di cottura.

 

 

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio