Frittelle di riso di san Giuseppe

frittelle-di-riso-fried-rice-21.JPG

Il 19 marzo,quando ancora si festeggiava solo san Giuseppe e non il papà, era d’obbligo, in casa mia, cucinare le frittelle di riso, o come si diceva le frittelle di San Giuseppe.

E quando chiedevo perché le frittelle erano proprio di san Giuseppe e non di un altro santo, la nonna mi raccontava che Giuseppe e Maria, per fuggire alle ire di Erode e salvare il piccolo Gesù, dovettero scappare  in Egitto sul dorso di un asinello. E lì, Giuseppe, che era un bravo falegname, non riuscì a trovare lavoro e per sfamare Maria e Gesù cominciò a friggere e vendere frittelle… Ogni volta le chiedevo il motivo ed ogni volta lei arricchiva la storia con nuovi elementi di suspense.

Ogni regione, ogni città ha una ricetta diversa per festeggiare; a Montalto si cucinavano le frittelle di riso e questa è la ricetta di casa.

Ingredienti per 4 persone

  • ·         300 g. di riso da minestra
  • ·         1 l. di latte
  • ·         2 cucchiai di zucchero, più altro zucchero per rivestire le frittelle
  • ·         2/3 cucchiai di farina
  • ·         la scorza grattugiata di un’arancia
  • ·         la scorza grattugiata  di un limone
  • ·         ½ bicchierino di vinsanto
  • ·         olio di semi di arachidi
  • ·         2 uova

Procedimento

Portare a bollore ½ litro di latte; quando bolle versarvi il riso e farlo cuocere a mo’ di risotto, versando via via l’altro ½ litro di latte, che avremo fatto scaldare in un altro recipiente. Mescolare spesso e, quando il riso ha assorbito tutto il l. di latte, spegnere il fornello, aggiungere subito lo zucchero e mescolare.

Quando il riso è tiepido, aggiungere la farina, la scorza degli agrumi, il vinsanto e le uova. Girare il composto con un mestolo, o lavorarlo con le mani, per amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Mettere abbondante olio di arachidi in una padella dai bordi alti e non troppo grande; quando l’olio è caldo versarvi il composto a piccole cucchiaiate, poche alla volta. Farle dorare su tutti i lati, toglierle dall’olio e farle asciugare su carta da cucina. Una volta asciutte, rotolarle nello zucchero, sistemarle su un vassoio e servirle

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio