Pollo al tegame con il limone

pollo-al-limone-5.JPG

Un secondo piatto sano e cucinato con pochi ingredienti e con la tecnica dell’arrosto morto. Quando sul fondo del tegame non resterà più niente per continuare a fare la scarpetta, non resterà altro che leccarsi i baffi… parola di Lorenzo, il piccolo buongustaio di casa e degno nipote dello zio Francesco!

Ingredienti per 6 persone

  • un pollo tagliato a piccoli pezzi
  • 2 limoni preferibilmente non trattati e tagliati a fette
  • alcuni rametti di timo fresco
  • alcune foglie di salvia
  • 2-3 spicchi d’aglio vestiti e schiacciati
  • sale
  • pepe
  • olio evo
  • 2 bicchieri circa di vino bianco secco

 

Procedimento

Tritare il timo e la salvia; unire al trito il sale, il pepe e alcuni cucchiai di olio. Con il composto preparato massaggiare i pezzi di pollo e lasciarli riposare per una mezzora affinché si insaporiscano bene.

Disporre i pezzi di carne in un unico strato sul fondo di una larga padella su cui sarà stato versato un po’ di olio; sistemare le fette di limone e gli spicchi d’aglio fra i pezzi di carne e mettere su fuoco medio. Far rosolare la carne girandola spesso perché non si attacchi. Quando il pollo sarà ben rosolato, unire il vino, far riprendere il bollore, incoperchiare, abbassare la fiamma  e cuocere per un’ora o più ( il tempo di cottura dipende dalla grandezza dei pezzi e dalla qualità del pollo). Controllare via via che il fondo di cottura non si asciughi troppo e, se necessario, unire altro vino.

Quando la carne sarà cotta, alzare la fiamma per far restringere il sughetto.

 

 

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio