Salvia fritta

 salvia-fritta.JPG

Salvia: primadonna della cucina, conosciuta ed usata in tutto il mondo fin dai tempi più antichi.

Salvia : dal latino salus  salute, grazie alle sue proprietà medicamentose.

Nel mio orto ce ne  sono alcuni arbusti ,che si sono allargati a formare un mantello  compatto ed elegante, con grandi foglie dai  riflessi argentei e dal profumo invitante… quel profumo che riporta all’infanzia e alla voce del babbo che chiedeva per cena  la salvia fritta.

Ingredienti

  • ·         foglie di salvia grandi e carnose ( 3- 4 per ogni commensale)
  • ·         farina circa 100 g.
  • ·         acqua
  • ·         un uovo
  • ·         olio di arachidi
  • ·         sale

Procedimento

Pulire le foglie con carta da cucina bagnata e lasciarle asciugare.

Preparare la pastella: stemperare la farina con un po’ di acqua, poi unire l’uovo e continuare a mischiare il composto, che non deve risultare troppo fluido.

Scaldare abbonante olio in un recipiente a bordi alti; l’olio raggiunge la giusta temperatura quando, tuffandovi un piccolo pezzetto di pane, si formano subito delle piccole bollicine. 

Passare le foglie nella pastella, friggerle in olio bollente, fino a quando avranno formato una leggera crosticina dorata. Scolarle e farle asciugare su carta assorbente. Salarle e servirle calde.

 salvia-fritta.JPG

Bookmark and Share



Se ti è piaciuta la ricetta, lasciami un commento o un consiglio