Bruschette ai sapori di un tempo…e le pulezze, erba umile reperibile da novembre a febbraio e ancora apprezzata nella cucina toscana soprattutto aretina e senese, fanno parte di quei sapori, sapori che io e mio marito, nati e cresciuti in campagna, ricordiamo molto bene.

Sapori che ci ricordano l’infanzia, il fuoco del camino, i pranzi e le cene semplici, preparate con ciò che i campi e gli orti offrivano di volta in volta secondo il ritmo delle stagioni. E all’arrivo dei primi freddi le pulezze erano spesso presenti sulle nostre tavole, come contorno semplicemente ripassate in padella con l’olio e l’aglio o come accompagnamento alla carne di maiale.

Ingredienti

  • fette di pane raffermo abbrustolite
  • pulezze
  • filetti d’acciuga
  • qualche oliva
  • spicchi d’aglio
  • olio extravergine di oliva
  • peperoncino

Procedimento

Pulire le pulezze privandole della costola centrale, lavarle e cuocerle in acqua bollente salata e con un cucchiaino di bicarbonato. Scolarle e tenere da parte un po’ della loro acqua di cottura.

Scaldare l’olio in una padella, rosolarvi l’aglio, aggiungere le pulezze, il sale, il peperoncino e farle insaporire per una decina di minuti girandole via via.

Bagnare leggermente il pane abbrustolito con l’acqua di cottura tenuta da parte e condirlo con le pulezze ripassate, i filetti d’acciuga e le olive.

Categoriesantipasti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *