La “minestra dei rurali”, la prima ricetta pubblicata nel 1929 sul primo numero de La Cucina Italiana il cui programma fu espresso in quattro parole ” Mangiare meglio, spendere meno”
Ingredienti per sei persone

  • 300 g di fagioli secchi
  • 200 g di riso per minestra
  • 75 g di lardo
  • 30 g di cipolla
  • conserva di pomodoro
  • aglio
  • basilico
  • prezzemolo
  • olio d’oliva
  • sale
  • pepe in grani


Procedimento
Mettete a bagno i fagioli in un recipiente con acqua tiepida, leggermente salata, e lasciateli per almeno 12 ore, quindi sgocciolateli e cuoceteli in abbondante acqua.
Quando saranno quasi cotti, occorreranno circa due ore, mondate, lavate e asciugate gli odori quindi preparate un battuto con il lardo, la cipolla, mezzo spicchio d’aglio e le foglioline di un mazzetto di basilico e di prezzemolo, il tutto finemente tritato.
Mettete il battuto in una casseruola preferibilmente di coccio e fatelo appassire, quindi unite i fagioli con il loro brodo.
Portate all’ebollizione dopo di che aggiungete il riso, un cucchiaino di conserva di pomodoro, un pizzico di sale e una macinata di pepe.
Cuocete il riso al dente, poi servite la minestra calda nel recipiente di cottura, irrorando con un filino di olio crudo.


CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *