Il gobbo è un cardo dalla forma curva, che si presenta quasi  accartocciato su se stesso. La parte interna, “ il grumolino” come lo chiamava la nonna Caterina, è ottimo mangiato crudo, in pinzimonio. Con le coste esterne si preparano i gobbi rifatti, una ricetta tipica toscana che fa parte del mio bagaglio di ricordi. Il giorno di Natale, i gobbi rifatti erano l’accompagnamento ideale per il cappone in umido.

Ingredienti

  • le coste esterne di un gobbo
  • un limone
  • olio evo
  • sale
  • due spicchi d’aglio
  • farina
  • tre o quattro pomodori pelati

Procedimento
Togliere i filamenti più duri alle coste del gobbo, lavarle, tagliarle a pezzi e cuocerle in abbondante acqua bollente, a cui sarà stato aggiunto del sale ed un limone tagliato a metà.
Quando le coste sono cotte, scolarle, infarinarle leggermente e metterle a rosolare in una larga padella con l’olio e gli spicchi d’aglio, girandole.
A rosolatura avvenuta, unire i pomodori spezzettati e una tazza di brodo vegetale o acqua, regolare di sale e cuocere su fuoco basso per una mezzora. Mescolare di tanto in tanto.

Categoriescontorni
  1. Pingback:Cappone in umido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *