abbucciato-sformato.jpg

Lo sformato di formaggio, una ricetta toscana tipica del Casentino, che mia suocera preparava per i pranzi importanti. Ricordo di averlo mangiato per la prima volta durante il pranzo del mio ‘fidanzamento ufficiale’, quando ormai fidanzata ‘di nascosto’ da un paio d’anni, andai emozionatissima  insieme ai miei genitori a casa dei miei futuri suoceri…

La ricetta assomiglia molto a quella di mia suocera; purtroppo non sono riuscita a salvarla, non l’aveva trascritta e, quando ho cominciato a chiederle quantità e ingredienti, lei non era più in grado di rispondermi con precisione perché la memoria cominciava a tradirla….

 Ingredienti

  • 600 ml di besciamella
  • 100 g di Abbucciato**
  • 50 g Pecorino toscano Dop di media stagionatura
  • 50 g di Caciotta
  • 3 uova
  • burro per imburrare la teglia o stampini
  • pangrattato
  • sale

Procedimento 

Iniziamo la preparazione grattugiando il Pecorino e tagliando a piccoli pezzi l’Abbucciato e la Caciotta.

Quindi si procede realizzando una Besciamella: fondere in un pentolino il burro a fuoco moderato unire poi la farina mescolando accuratamente, facendo attenzione a sciogliere eventuali grumi, versate poi il latte freddo tutto in una volta, continuando a mescolare finché inizia a bollire. Salare a piacimento.

Continuare la cottura della besciamella per almeno venti minuti a fuoco basso mescolando e aggiungendo di tanto in tanto i pezzetti di formaggio ed il Pecorino grattugiato.

Fate attenzione a far amalgamare bene il tutto.

Unite quindi i tuorli uno alla volta e continuate a mescolare.

Montate a neve gli albumi ed uniteli al composto. Regolate di sale se necessario e aggiungete un pizzico di pepe.

Versate il preparato in una teglia imburrata o in singoli stampini e polverizzate composto con il pangrattato.

Fate cuocere in forno a 180°C e per circa 20/30 minuti.

L’abbucciato è un formaggio tipico della zona del Casentino. Prende il nome dalla forma a buccia della parte esterna della forma, una volta che il formaggio giunge a stagionatura, noi vi proponiamo un gustoso sformato da realizzare con questa specilità toscana.

Già prodotto nel Medioevo (XI sec.) dai monaci camaldolesi, viene realizzato con latte crudo non pastorizzato di pecore lasciate libere al pascolo. Ha un particolarissimo sapore sapore dolce e morbido e lievemente amarognolo.

da http://www.casentino.it/it/vivi/prodotti-tipici/ricette-casentinesi/969-sformato-all-abbucciato.html

Categoriesantipasti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *