L’altra sera telefona mio cugino per invitarci a cena e mi chiede se ci piace la nana. Gli rispondo di sì, mio marito ne va matto, io un po’ meno e, nonostante le sue lamentele, la cucino raramente…

Devo dire che una nana buona come quella che ci hanno portato in tavola non l’avevo mai mangiata: un po’ era merito della nana allevata all’aperto, ma soprattutto il merito era di mia cugina che l’ha farcita ben bene e l’ha cucinata in forno con una cottura molto lenta e la carne è rimasta morbida e succosa.

Ingredienti

  • una nana, o anatra in italiano, pronta per la cottura
  • 2 salsicce
  • sale
  • pepe
  • aglio
  • finocchio
  • fette di rigatino
  • 2 bicchieri d’acqua
  • ½ bicchiere d’olio
  • 1 bicchiere scarso di vino bianco
  • patate a tocchetti

Procedimento

Salare e pepare la nana, farcirla con le salsicce, la salvia, l’aglio e il finocchio.

Avvolgerla nelle fette di rigatino e legarla.

Metterla in una larga teglia con l’acqua, il vino e l’olio e tenerla in forno

a 120° per due ore e mezzo

a 140° per un’ora

a 220° per mezz’ora o più fino a doratura

Girare la nana via via la nana e bagnarla con il fondo di cottura.

Dopo circa due ore aggiungere anche le patate.  

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *