Nell’orto sono nati i primi rapi o pulezze, come si dice nell’aretino, ovvero le foglie del rapo, cugini delle cime di rapa. Erba povera e facilmente coltivabile, i rapi erano un piatto diffuso nelle giornate invernali della campagna senese e aretina.

I rapi lessi erano la passione di mia suocera che ne coltivava tantissimi e, ogni volta, ne cucinava quantità industriali. Li mangiava in qualsiasi momento della giornata, come spuntino, ed erano la sua colazione preferita. Ricordo Francesco, bambino di sei-sette anni che all’epoca portava l’apparecchio sui denti superiori, uno di quelli con placche e ganci esterni, comparirmi davanti una domenica mattina con ciuffi verdi che gli uscivano dalla bocca, sembrava il pescatore verde di Pinocchio, quello tutto ricoperto d’alghe!!!

Io: “Francesco!!! Che hai fatto?”

Lui: “Niente!!! Ho fatto colazione con la nonna…”

In frigo ci sono delle belle fette spesse d’arista di “grigio del Casentino”, un maiale allevato allo stato semibrado nei boschi casentinesi, libero di muoversi in ampi spazi e di nutrirsi anche con i prodotti del sottobosco…

E con questi due prodotti, tutti toscani, preparo la cena!

Ingredienti per due

  • 2 fette piuttosto spesse di arista senz’osso
  • qualche rametto di rosmarino
  • 2-3 spicchi d’aglio in camicia e schiacciati
  • sale
  • pepe
  • un mazzo di rapi

Procedimento

Pulire i rapi: scegliere le foglie più belle e non sciupate e togliere loro il gambo centrale che risulterebbe troppo duro. Lavarle bene, risciacquandole sotto l’acqua corrente.

Mettere dell’acqua (non tantissima) in una pentola e portarla a bollore; immergervi i rapi con un pizzico di bicarbonato per mantenerle belle verdi e un po’ di sale.

Una volta cotti (il tempo di cottura dipende da quanto le foglie sono dure), scolarli e strizzarli leggermente per far eliminare l’acqua in eccesso.

Versare un filo d’olio in una padella antiaderente, cospargerlo uniformemente sul fondo, adagiarvi la carne con l’aglio e il rosmarino. Mettere la padella sul fornello e far rosolare velocemente la carne su entrambi i lati.

Abbassare la fiamma, unire i rapi, il sale, il pepe e cuocere per una decina di minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *