Avete mai mangiato i fagioli cotti dentro un fiasco o una pignatta e nel forno a legna?
I fagioli al fiasco, un metodo di cottura che sembra aver avuto origine tra i vigneti del Chianti, sono un vecchio modo con cui i contadini della campagna toscana cuocevano i fagioli: per non sprecare la brace, ancora calda, che rimaneva nel forno a legna dopo avervi cotto il pane, mettevano i fagioli in un fiasco o in una pignatta con un po’ di acqua e li lasciavano in forno fino a quando questo non si era raffreddato. Lo ha fatto anche la mia mamma fino ai primi anni ’60, quando smise di fare il pane in casa perché anche in campagna cominciò ad arrivare il panaio; passava un paio di volte a settimana, su un furgoncino bianco, e riforniva di pane sia la fattoria che i poderi.
Ricordo con nostalgia quel piatto umile, dal sapore unico e ricco di profumi esaltati dalla lenta cottura, e quando accendiamo il forno a legna che abbiamo in giardino preparo sempre quei fagioli dal sapore di “mamma”

Ingredienti
   500 g di fagioli cannellini tenuti in ammollo per almeno una notte
• 1 dl di olio
• 1-2 spicchi d’aglio in camicia
• 6 foglie di salvia
• grani di pepe nero
• sale
Procedimento
Dopo aver lavato il fiasco, inserire tutti gli ingredienti: i fagioli ammollati, gli spicchi di aglio, la salvia, l’olio, il sale e il pepe. Aggiungere acqua tiepida fino al filo dei fagioli e chiudere con un batuffolo di cotone appena pressato.
Per la cottura si possono seguire due metodi:
1- Cottura nel forno a legna: dopo aver sfornato il pane o l’arrosto, inserire il fiasco nel forno sistemandolo ritto fra la cenere sotto la quale coverà ancora della brace. Chiudere il forno e se si sarà panificato alla sera, ripassare al mattino seguente.
2- Cottura a bagnomaria: Immergere il fiasco in una pentola colma d’acqua e sul cui fondo avete posto un canovaccio piegato più volte e cuocere a bagnomaria per circa 5 ore. Non aggiungere acqua nei fagioli, ma soltanto nel bagnomaria. Quando i fagioli saranno cotti, spegnere il fuoco, lasciarli riposare 15 minuti prima di toglierli dal fiasco





CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *